• English
  • Italiano

EMILIA LAMBRUSCO

IL NUOVO CLASSICO

EMILIA LAMBRUSCO

MARANI

Il Lambrusco Marani appartiene alla grande e antica famiglia del Lambrusco, citato fin dai tempi di Virgilio e poi da Plinio, il quale ha descritto la sua presenza e le sue caratteristiche salienti nella sua Naturalis Historia.

Il Lambrusco Marani appartiene alla grande e antica famiglia del Lambrusco, citato fin dai tempi di Virgilio e successivamente da Plinio, il quale ha descritto la sua presenza e le sue caratteristiche salienti nella sua Naturalis Historia [ripetizione].

Il Lambrusco Marani è (insieme al Grasparossa) un Lambrusco raro coltivato in vigneti di collina, anche se si trova più spesso in pianura, dove si dimostra resistente a terreni relativamente umidi (ama l’argilla), ma è suscettibile al freddo invernale. Predilige sistemi di coltivazione a bassa densità con potatura corta ed i suoi rendimenti sono abbondanti e regolari.

Le aree dove è prodotto il Lambrusco Marani

Esiste poca e recente documentazione sulla presenza di questa varietà ed è relativa al ventesimo secolo. Si tratta di un parente stretto della Fogarina, una varietà nativa dell’Emilia-Romagna. Al giorno d'oggi, si sviluppa principalmente nella campagna intorno a Reggio Emilia vicino a città come Campagnola, Novellara, Rolo e Rio Saliceto, lo stesso habitat del Lambrusco Maestri: i due sono spesso piantati insieme nello stesso vigneto. Oggi è cresciuto anche intorno a Bologna e Mantova: oltre duemilatrecento ettari coltivati a partire dal 2000, è stato un Lambrusco relativamente abbondante, ma le cose sono cambiate notevolmente nel corso degli ultimi dieci anni, e la sua superficie vitata è diminuita del 41 per cento. Questo perché i produttori moderni preferiscono piantare (o ripiantare) il Lambrusco Maestri, che dà vini molto più fruttati e ricchi. Il Lambrusco Marani è caratterizzato da grappoli e bacche più piccole e quasi ellittiche rispetto alla maggior parte degli altri tipi di Lambrusco.

I vini sono fruttati e tannici, e grazie alla elevata acidità, risultano aver avere una qualità più floreale (viola, iris, peonia) e un po’ meno dolcezza e polpa fruttata (ribes nero e rosso ciliegia, invece di ciliegia matura nera) rispetto a quelli realizzati con il Lambrusco Maestri. I buoni vini Marani tendono ad essere raffinati e non troppo tannici, con una brillante, succosa personalità. Marani è la varietà pilastro del Lambrusco Reggio DOC, ma è anche parte di miscele DOC del Lambrusco Mantovani Lombardo e dei vini Emiliano-Romagnoli dei Colli di Scandiano e Canosa (dove di solito sono miscelati con Lambrusco Montericco). E’ presente in alcune miscele IGT quali Emilia (o dell'Emilia), Forlì, Lambrusco Mantovano, Quistello, Ravenna, Reggiano, Rubicone, e Sabbioneta, così come gli altri (1).

Referenze:
(1.) D'Agata, Ian. ""Native Wine Grapes of Italy”
foto catalogoviti.politicheagricole.it

The city center of Correggio, one of the main villages where Lambrusco Marani is produced. The name comes from the Latin "corrigia or corrigium" , which means " leather strip " with the meaning extension of " strip of land between swamps " or " strip of land between the waters ".